La scienza è alla base di ogni società che aspira al progresso; essa fomenta l’innovazione, e influenza la vita di ogni persona su questo pianeta. Le posizioni antiscientifiche espresse ripetutamente durante le elezioni presidenziali negli Stati Uniti d’America minacciano le basi della nostra società. Il nostro lavoro come scienziate e i nostri valori come esseri umani sono sotto attacco. Temiamo che il progresso scientifico e gli sforzi fatti per confrontare le nostre sfide più grandi, tra cui limitare il riscaldamento globale, saranno seriamente limitati dalla prossima amministrazione. Non possiamo permetterci di perdere altro tempo per salvare il nostro pianeta.

 

In questa nuova era di anti-scienza e disinformazione, noi come scienziate riaffermiamo il nostro impegno per costruire una società e un mondo scientifico più inclusivo. Rifiutiamo di accettare la retorica dell’odio diffusasi durante le elezioni presidenziali in U.S.A., mirata in particolare a gruppi di minoranza, donne, LGBTQIA, immigrati, e persone diversamente abili, e con l’obiettivo di screditare il ruolo della scienza nella nostra società. Molte tra noi si sentono personalmente minacciate da questa retorica divisiva e distruttiva e si sono rivolte ad altri nella propria comunità per cercare comprensione, forza, e un modo per guardare avanti. Siamo membri di gruppi di minoranza razziale, etnica, e religiosa. Siamo immigrate. Siamo persone diversamente abili. Siamo LGBTQIA. Siamo scienziate. Siamo donne.

 

In tutto il mondo le donne nella scienza devono affrontare discriminazione, hanno paga inferiore, e un minor numero di opportunità. Il nostro lavoro per combattere la diminuzione dell’importanza data alla scienza nella società non è iniziato con queste elezioni, ma queste elezioni ci spingono ad insistere di più. Come scienziate, siamo in una posizione che ci permette di lavorare a favore della diversità ed inclusione nella scienza e nelle altre discipline accademiche. Continuiamo a perseguire i nostri obiettivi con una passione rinnovata e ci impegniamo a trovare soluzioni innovative ai problemi presenti negli Stati Uniti e all’estero.

Insieme ci impegniamo a:

  • Identificare e riconoscere la presenza di ineguaglianze strutturali e stereotipi che minacciano la partecipazione di tanti alla ricerca scienza;

  • Combattere per ottenere l’uguaglianza per tutti e a ribellarci alle ineguaglianze, alle discriminazioni, e alle aggressioni;

  • Aumentare il supporto in particolare per i gruppi di minoranza affinché i membri di tali gruppi possano partecipare attivamente alla ricerca scientifica e diventarne leader;

  • Supportare l’educazione e le carriere di tutti gli scienziati;

  • Prenderci il tempo di aprire le nostre discipline scientifiche al pubblico comunicando la nostra ricerca;

  • Trattare ogni giorno come un’opportunità di dimostrare alle bambine e alle giovani donne che non solo sono benvenute nella scienza, ma che il loro contributo è necessario nel mondo scientifico;

  • Fare da esempio come mentori e incoraggiare collaborazione e non divisione;

  • Usare il linguaggio scientifico per eliminare le divisioni che separano la società e migliorare la diplomazia globale.

 

Oggi, invitiamo le donne nella scienza e i nostri colleghi a dichiarare supporto l’uno per l’altro e per tutti i gruppi di minoranza, gli immigrati, le persone diversamente abili, e i LGBTQIA. Il nostro lavoro scientifico è globale, ma allo stesso tempo ci impegniamo a metterci in gioco nelle nostre comunità per ottenere una società inclusiva, dove la scienza e la conoscenza siano benvenute e supportate, e dove tutti abbiano la possibilità di raggiungere il proprio potenziale.

 

COME DONNE NELLA SCIENZA, TECNOLOGIA, INGEGNERIA, E MATEMATICA, COME MODELLI DI RIFERIMENTO PER BAMBINE, RAGAZZE, E GIOVANI DONNE, COME LEADER NELLE NOSTRE COMUNITÀ, ACCETTIAMO QUESTA SFIDA.